sabato 14 novembre 2009

La voce di Ulderico Pesce tra quelle dei pisticcesi per salvare l'ospedale di Tinchi.


La presenza dell'attore lucano risalta tra la folla di pisticcesi contro la chiusura dell'ospedale di Tinchi.
Nuovo incontro di tutti i comitati si è tenuto la mattina del 12 novembre nelle vicinanze del presidio ospedaliero.
Gli organizzatori esortano la cittadinanza alla mobilitazione al fine di ottenere la salvaguardia del nosocomio attraverso il mantenimento di una struttura più funzionale ed efficiente possibile anche in seguito all’attuazione delle norme di riordino del comparto sanitario varate dalla Regione.
I comitati si pongono l'obiettivo di raccogliere, oltre alle 10.000 firme già presenti, ulteriori altri timbri di tanti per sostenere la petizione pro ospedale.
“I servizi del nostro ospedale, vengono sempre più ridotti, invece che potenziati. Raccogliamo, allora, il vivo malcontento della popolazione del territorio nell’incontro di oggi anche al fine di informare la collettività della situazione e proseguire nella nostra raccolta firme”, dichiara un membro del comitato per la difesa dell'ospedale.
Nella mattinata, c'è stato ampio spazio per l'intervento dell'attore lucano Ulderico Pesce, che in numerose occasioni si è mostrato sensibile ad iniziative in difesa dell'ambiente e della salute.
Presente, inoltre, il professor Pietro Tamburrano assieme alle altre rappresentanze dei Cittadini Attivi di Bernalda, in prima linea sin dall’inizio di questa battaglia che ha l’obiettivo di rivolgere agli organi competenti “la richiesta di ridare all’ospedale il ruolo che in questi trent’anni ha avuto per assicurare alla popolazione servizi sanitari importanti”.

Nessun commento:

Posta un commento