mercoledì 23 marzo 2011

Grande manifestazione a Roma per l'acqua bene comune, contro il nucleare e per il ripudio verso la guerra.

Il Comitato Potenza Attiva in occasione della manifestazione contro la privatizzazione dell'acqua, contro il nucleare e contro la guerra, organizza un viaggio a Roma, città in cui si svolgerà il corteo, che partirà da Piazza della Repubblica intorno alle 14. La conclusione avverrà in Piazza San Giovanni, dove in serata si svolgerà un concerto a tema. In questo momento di grandi sconvolgimenti, dove questa crisi ecologica, politica e sociale è esplosa in tutta la sua gravità, prima con il terremoto e l'incidente nucleare in Giappone e ora con questa terribile guerra, camuffata da guerra umanitaria (terribile ossimoro) e per esportare la "nostra democrazia" verso i paesi del nord Africa, la giornata di sabato assume un significato simbolico particolare, perchè ora più che mai è indispensabile essere insieme, partecipare, urlare la nostra rabbia per i processi in atto di privatizazione e depredazione del bene più vitale al mondo, l'acqua, un bene che, come hanno già fatto con altri beni essenziali, quali il lavoro, la salute, il cibo e la democrazia, sta per essere depredato, privatizzato, ridotto a merce e, soprattutto, a strumento di potere e di controllo.
Ma la vertenza per l'acqua e per i beni comuni si arricchisce oggi di altre rivendicazioni, intimamente legate, quelle per il diritto alla pace e ad un futuro. Futuro che la follia nucleare vuole negare a noi tutti e alle future generazioni, futuro che questa ulteriore guerra, vuole rendere nebuloso e doloroso. Questa guerra, come tutte le altre, non ha senso se non quello di difendere privilegi, profitti e interessi economici.
I missili e le bombe che vengono usati producono distruzione e incrementano violenze e odio, come conseguenze immediate, ma causano una contaminazione ed un inquinamento, che tutti pagheremo e che le popolazioni locali stanno già subendo in silenzio.
La democrazia e la pace si costruiscono con il dialogo e l'ascolto, con la comprensione reciproca e la solidarietà, con il rispetto per le culture e le civiltà altre, non atteggiandosi a portatori di verità, giustizia e democrazia e sopratuttto, non utilizzando mezzi illeciti seppure per raggiungere fini leciti (se questi fini fossero davvero la solidarietà e l'aiuto ai popoli in rivolta e non meri giochi di potere e di controllo coloniale!).

Per tutte le comunicazioni riguardanti il viaggio (pullman, orari, posti disponibili ecc. ecc. ecc.) potrete far riferimento a Franco Vomero: tel. 339-2735011 - mail: francovomero@hotmail.com

Comitato Potenza Attiva

Nessun commento:

Posta un commento