mercoledì 9 marzo 2011

Nuova sconfitta per le ragazze della Supermercati Sisa Marconia.


Nel delicatissimo impegno casalingo valevole per il quattordicesimo turno del Campionato di Serie C femminile, la Supermercati Sisa Marconia, dopo la bruciante disfatta patita domenica scorsa a Montescaglioso, sotto i colpi di uno smagliante Faames Trasporti Morano, affronta in un match che sa di ultima chiamata per venir via dalla zona play-out, l’Olimpia Volley Melfi. Le mura amiche giocano però un brutto scherzo alla formazione di coach De Pace, che soccombe alle ospiti, riuscendo a conquistare solo un set.

La partita: melfitane decisamente più in palla, vispe e pronte a sfruttare ogni piccolo spiraglio lasciato dalle marconesi, abbastanza imprecise e molto tese, condizionate probabilmente dall’ossessione di vincere la gara per tentare di raggranellare punti spendibili in chiave salvezza. Primo set che non inizia bene per il team locale, molto sterile in fase realizzativa, non decolla, e permette così all’Olimpia di prendere in mano le redini del set, che si conclude con un altisonante + 5 ospite. Di forte impatto invece il secondo parziale, con le marconesi che almeno apparentemente, superano le defezioni tecnico-tattiche, che avevano indubbiamente consentito all’Olimpia di spadroneggiare nel primo e, dopo 30 minuti abbondanti di gioco, le ragazze di De Pace si aggiudicano un set al cardiopalma, inchiodatosi sul 24 pari, e vinto poi dalle padroni di casa che ci hanno messo anima, cuore, grinta e determinazione sufficienti per conseguire i 2 punti necessari per aggiudicarselo. La tenacia del muro resistente alle fiondate ospiti e il notevole dispendio di energie a rete però, strema le ragazze di De Pace che scendono in campo notevolmente scariche per affrontare il terzo set, che si conclude sonoramente a favore dell’Olimpia con un 25 a 13 senza attenuanti. Le marconesi, visibilmente affaticate e molto demotivate dopo la batosta nel punteggio del terzo parziale, si apprestano a giocarsi tutto nel quarto, consce che perderlo significherebbe conseguentemente perdere la gara. Set, dunque, che inizia battagliato su ogni pallone da entrambi i fronti. Le formazioni rischiano molto, giocano sbilanciate perché la posta in gioco è alta. L’Olimpia orienta il set in proprio favore, altalenando a un + 5 addirittura un + 8 sulle avversarie. Gli animi a bordo campo si surriscaldano e per una discussione accesasi causa dubbia decisione arbitrale, viene espulso il presidente Luigi Liguori. Un episodio che compromette notevolmente l’umore delle giocatrici locali, prede ormai del forcing arrembante delle melfitane, brave a chiudere i conti con un + 11 senza appello. Una gara sostanzialmente negativa per la Supermercati Sisa, che ancora una volta ha mostrato qualche limite caratteriale nell’affrontare le gare in salita. E’ mancato quel giusto agonismo per raddrizzare una gara storta, nata male, viziata da tante piccole imprecisioni, che hanno elevato la paura di vincere della squadra di De Pace.


Cristian Camardo

Nessun commento:

Posta un commento