martedì 3 maggio 2011

La Rotunda Maris scofitta ad Agromonte. Non basta la doppietta di Lobreglio.

L’Agromonte sommerge 4-2 la Rotunda Maris con una prestazione di livello, degna di una squadra che merita il salto di categoria, per quanto espresso nel campionato corrente. Apre le marcature Gioia nel primoo tempo, Milione e raddoppia poco dopo con un gol di fattura tutto sommato pregevole. Nella ripresa Gioia fa tris, ma Lobreglio si desta e ne fa due nel giro di venti minuti. Poi, una magistrale lezione di contropiede permette a Gioia di calare il poker e di chiudere la gara con una vittoria a dir poco altisonante. Grazie a questo risultato gli uomini di Gioia rinsaldano la terza posizione volando a quota 38 mentre i rossoblu di patron Pasquino restano, invece, fermi a 12 punti. La partita: nei primi 15 minuti non succede praticamente nulla, ma scoccato il 15’ la compagine ospite esegue la prima sortita in area ospite. Lobreglio innesca Lufrano che parte a razzo sulla sinistra, brucia tutti e serve un gustoso cioccolatino a De Michele, che non lo scarta. Sul rovesciamento di fronte Gioia pescato da Milione, sfiora il montante con un destro a incrociare. Poi una buona azione sul binario di sinistra iniziata dal solito Lobreglio, si conclude col tiro fiacco di Ciancia. Al 25’ è Gioia dalla parte opposta, che cerca di sorprendere Cuccarese dalla lunga distanza, ma senza fortuna. Nonostante lo scoppiettante ping-pong di occasioni però, i rossoblu non fiammeggiano come dovrebbero, appaiono timorosi di rischiare davvero qualcosina in più e, come se fossero zavorrate ai piedi, restano impalati quando tocca sovrapporsi o tentare sortite più elaborate del solito in fase offensiva. Gioia allora ne approfitta e sfodera un bel destro, potente ma impreciso, che fa gridare al gol i suoi, e pochi minuti dopo raddoppia Milione e la prima frazione si chiude col 2-0 agromontese. Nella ripresa gli ospiti reagiscono, ma non spadroneggiano. Tanta fantasia per una manovra a dir poco brillante. Lobreglio prova la mira dopo qualche minuto ma il piede non è ancora caldo a sufficienza. E’, invece, ancora Gioia che per due volte crea qualche problema alla difesa ospite, ma senza gonfiare la rete. Alle terza sortita però ci pensa Sandoianni a firmare il tris. La partita, però, continua a essere vivace e gli ospiti di casa non paiono fermarsi. Lobreglio scuote le placide acque dalle parti di Gaudioso e accorcia le distanze, evidenziando che questa Rotunda è tutto tranne che una squadra che non mostri desiderio e voglia di tornare a mordere dopo le scoppole agromontesi. E ancora Lobreglio, entra in area palla al piede e fa 3-2 di sinistro, rimettendo i suoi in carreggiata. Riportatasi in avanti alla frenetica ricerca del pari, la formazione rossoblu si scopre e subito rischiano di capitolare quando Gioia si mangia un gol dal dischetto del rigore. Sono ancora i rossoblu a farsi vedere dalle parti di Gaudioso, ma De Michele non indovina l’angolo. Ci pensa allora Milione a chiudere i conti, calando il poker. E’ suo, infatti, il quarto gol raddoppio al 42’ della ripresa.


Tabellino



Agromonte: Gaudioso E., Gaudioso M., Iacovino, Codanza, Ciminelli F., Gaudioso G. Gioia G., Sandoianni, Gioia A., Gioia E., Milione;


A disposizione: Propato, Martino, Maradei, De Biase, Ciminelli V., Roberti, Celano;


Allenatore: Gioia



Rotunda Maris: Cuccarese M., Cuccarese D., Lillo, Lobreglio, Laguardia, Buongiorno N., Demininno, Rubolino, De Michele, Prillo, Lateana;
A disp.: Buongiorno P., Bellantonio;
All.: Pitrelli


Arbitro: Francesco Forte (sezione di Moliterno)


Marcatori: Gioia (A) Milione (A) Gioia (A) 2 Lobreglio (RM) Milione (A)



NOTE



Recuperi: 2’ pt ; 3’ st


Calci d’angolo: 3-2


Spettatori: 50 circa


Cristian Camardo


Nessun commento:

Posta un commento