domenica 8 maggio 2011

Meraviglioso Esedra Marconia vittorioso anche sulla capolista Avis.



L’Esedra delle meraviglie di Venezia continua a vincere, mostrando progressi sul piano del gioco e della tattica. Con diversi assenti su entrambi i fronti, i biancazzurri stendono 9-6 nientemeno che la capolista Avis, proseguendo la striscia positiva che dura da ben tre gare. Senza troppi clamori, ma con tanti novizi o semi-novizi in campo, gli esedrini compiono una grande impresa contro una formazione, a chiare lettere, superiore. Solita buona prestazione, conquistata soprattutto grazie alla dignitosa prova del collettivo, pieno di alternative e carattere. Gli ospiti sono piaciuti soprattutto nel primo tempo, quando oltre a cogliere tre volte il bersaglio, hanno tenuto il campo con personalità, rimanendo corti, ordinati e aggredendo gli uomini di Venezia già nella loro metà campo, proponendo nelle sortite offensive sempre quei due o tre uomini in appoggio a Corbino. Grandinetti e Liuzzi sono stati meticolosissimi nel lavoro interdittorio. Sul versante biancazzurro invece Scattino, restituito al suo ruolo di “Tardellino”, bravo a interdire e buttarsi immediatamente negli spazi aperti dalle punte, autografa un match così, dopo soli due minuti e, il gol lampo realizzato, gli consente di esprimersi al massimo del suo potenziale per il resto della gara. Ma la compagine ospite non ci sta a recitare il ruolo del figurante inerte e dapprima la bomba col sinistro di Corbino, poi il destro secco di Prezioso, ribaltano il gol del capitano marconese. Il gap tra le due è immensamente diverso, ma Grieco tira un altro montante al pugile ospite, vibrando un colpo da k.o. su assist di un grande Settembrino. Sorprende Pieruccio, con un temperamento da grandi match. Ci mette esperienza, agonismo, carisma e contribuisce a mettere, per quanto possibile, la museruola agli ospiti, rimettendoli un pò sulla difensiva. Un po’ appunto, perché Serio, trafigge Di Lena per il 3-2 che di fatto chiude la prima frazione. Girandola di cambi nei biancazzurri: Laviola, Fontana e Gallitelli nei pali. E proprio il portierino biancazzurro compie miracoli da far invidia a un Santo, neutralizzando due volte Serio, Prezioso e Corbino. Laviola sfiora il pari al 15’, confezionato un minuto più tardi da Settembrino, che scarta il delizioso cioccolatino offertogli da Masiello. Poi è Di Mario fa 5-3 su rigore e cede il posto a Masiello che insacca il prezioso assist di Settembrino, velato da Troiano. Serio e De Lorenzo accorciano, ma Laviola guizza e sigla il 7-5 di testa. Poi ancora Serio riaccorcia con un destro nell’angolino, ma il capolavoro lo fa Grieco, che sgroppa coast to coast e fa 8-6 di esterno destro. E poi, Carmine Settembrino. Lui, che pare una di quelle super connessioni a banda larga che funzionano sempre bene, che ti fanno navigare a tutta velocità, scappa via rapido a Prezioso e firma sul gong il 9-6 finale che sancisce la vittoria contro uno squadrone che non ha per niente snobbato la gara, mostrando serietà e meritando i doverosi e sinceri applausi del Circolo Tennis.






TABELLINO


ESEDRA MARCONIA: Di Lena, Scattino, Laviola, Settembrino, Masiello, Fontana, Gallitelli, Grieco, Di Mario, Esposito;


All.: Venezia



CENTRO SPORTIVO AVIS: Schirone, De Lorenzo, Liuzzi, Grandinetti, Prezioso F., Corbino, Martino, Fracasso, Serio;


All.: Fortunato



Arbitri: Losignore-Perrucci


Marcatori: Scattino (E) Corbino (A) Prezioso (A) Grieco (E) Serio (A) Scattino (E) Settembrino (E) Di Mario (E) Masiello (E) Serio (A) De Lorenzo (A) Laviola (E) Serio (A) Grieco (E) Settembrino (E)



NOTE



Recuperi: 1’ pt ; 2’ st


Calci d’angolo: 3-5


Spettatori: 90 circa



Cristian Camardo

Nessun commento:

Posta un commento