lunedì 29 agosto 2011

Pareggio a reti bianche nel primo derby di Coppa tra Aurora Marconia e C.S.Pisticci. Tutto si deciderà al Michetti.



Un derby particolare, quello andato in scena al Comunale di Marconia, che ha visto fronteggiarsi l’Aurora Marconia ed il C.S.Pisticci, per la prima giornata della Coppa Italia Basilicata. Risultato ad occhiali tra due formazioni ancora in fase di allestimento, che comunque dovranno obbligatoriamente crescere, per affrontare degnamente i rispettivi campionati. L’Aurora si schiera con un 4-3-3 che in fase difensiva prevede il ripiegamento dei due esterni alti Cappiello e Colombo. Tra i pali l’esperto e referenziato D’Urso con trascorsi nel Catanzaro, davanti a lui l’appena ingaggiato Christian Chiruzzi con Bello,Lobianco e Gammino a completare il reparto difensivo. A centrocampo Pino Viola schiera Cucina e Gialdino a sostegno di Protopapa mentre in attacco Cappiello, Lambertini e Mimmo Colombo oggi capitano. Beppe Fortunato invece punta forte sulla nuova coppia d’attacco formata da Bozzi e dall’ex Marconia, Bruno Agneta. La gara è un continuo batti e ribatti e le combinazioni degne di nota si contano sulle dita di una mano. Ma il dato è comprensibile perché siamo alla prima gara ufficiale della stagione 2011/2012 ed essendo la preparazione atletica dei calciatori non al top, il calcio non è lineare e rare sono le azioni corali. Nella prima parte di gara l’agonismo è concentrato sul piano fisico e sovente il calcio fa spazio a brutti falli, seguiti da cartellini gialli e rossi, che il Signor Contini dispensa equamente. L’unica vera nitida occasione dei primi 45’ capita sui piedi dell’ex Agneta, il quale dopo aver scavalcato D’Urso in pallonetto, si vede negare la rete da Visconti che salva sulla linea. Dunque le squadre vanno a riposo, dopo l’unico minuto di recupero assegnato dall’arbitro. Al via della seconda frazione di gara Colombo fa spazio a Scialpi e lascia la fascia da capitano a Chiruzzi. Al 12’ Cappiello, che oggi ha dato prova di grandi doti tecniche, sfodera un tiro cross sul quale Rondinone si fa cogliere impreparato, ma la palla sfiora la traversa. Sul capovolgimento di fronte Agneta combina con Bozzi, che dopo un contrasto riesce a concludere a rete, ma il goal non viene convalidato perché l’arbitro, in precedenza, aveva fischiato per un fallo su Bello. Poi si sveglia l’Aurora Marconia. Il gioco frizzante che Viola ha cercato di improntare sui ragazzi si vede solo al 26’ del secondo tempo. Cappiello dopo aver superato un avversario in velocità, appoggia per Protopapa, il quale a memoria lancia Lambertini, che stacca di testa ma la conclusione è di poco alta sulla traversa. Al 32’ esce uno stremato Bello ed entra Gloria. La gara del giovane ha poca durata perché viene espulso, dopo un entrata a piedi uniti su Martemucci. L’Aurora alza il ritmo alla ricerca del vantaggio. Protopapa dopo essersi procurato un calcio di punizione dal limite dell’area pisticcese, si occupa di calciare. Il tiro è velenoso e colpisce il palo e sulla rimbalzo Lambertini fallisce il tap-in vincente. Ghiotta è l’occasione fallita dall’Aurora Marconia, che avrebbe potuto siglare il vantaggio e giocare in modo più agevole la gara di ritorno al Michetti. Dopo tre minuti di recupero, infruttuosi ai fini del risultato, la gara giunge al termine con la speranza di vedere nella prossima gara di ritorno un derby degno di essere chiamato tale.




Tabellino


Aurora Marconia: D’Urso, Bello(32’ st Gloria), Chiruzzi, Lobianco, Gammino, Cucina, Protopapa, Gialdino, Cappiello, Lambertini, Colombo(45’ pt Scialpi);


A disp: Parisi, Moliterni T., Moliterni P., Donadio;


Allenatore: Viola;



C.S.Pisticci: Rondinone, Luareni( 45’ st D’onofrio), Salerno, Visconti, Scarfone, Martemucci (29’ st Moro), Masiello, D’Onofrio C.(34’ st Iannuzziello), Schena, Agneta, Bozzi;


A disp: Clementelli, Barbalinardo;


Allenatore: Fortunato;


Arbitro: Contini di Matera;

Ammoniti: Protopapa, Visconti;


Espulso: Gloria per gioco pericoloso;



Note


Recuperi: 1’ pt, 3’ st;


Spettatori: 300 circa;



su LaNuova del sud del 29/08/2011


Mario Quinto


Nessun commento:

Posta un commento