mercoledì 9 maggio 2012

Scudetto cadetto all'Aurora Marconia. Gli jonici affondano il Lagonegro e confermano la leadership.


Ultimo atto ed ultima giornata di sospiri per gli aquilotti dell’Aurora Marconia. La gara casalinga che conclude di fatto, il calendario 2011/2012 della cadetteria lucana, ha decretato la vittoria del titolo da parte della squadra del Presidente Antonio Gioia, che si è aggiudicata la sfida contro il Lagonegro per 3 a 1. Mister Viola schiera il suo 4-3-3 tipico, con il trittico d’attacco formato da Cappiello, Andreulli e Moliterni. Gli ospiti invece si presentano con una formazione rimaneggiata, largo turnover adottato da mister Capobianco, che con la salvezza già in tasca, schiera molti under. Primi minuti di gara con i padroni di casa in impostazione offensiva. La prima chance capita sul destro di Moliterni, che però calcia sbilanciato e la palla si perde alta sulla traversa. Al quarto d’ora sale in cattedra il panzer Andreulli, che addomestica la palla servitagli da Gialdino e spara in porta, trovando la rete del vantaggio. Padroni di casa sempre più accesi, spingono alla ricerca del raddoppio, ma in due occasioni trovano la decisa risposta di Vigorito, che si oppone egregiamente su capitan Andreulli prima e Cappiello poi. Al 26’ però, non può nulla sul preciso colpo di testa  di Andreulli, che bissa lo score in questa gara, raggiungendo quota 25 reti in stagione. Sul finale di primo tempo, una piccola distrazione riapre la gara. Un innocuo corner battuto da Perazzo, si trasforma in veleno, perché dopo un batti e ribatti in area, la palla varca la linea di porta, probabilmente toccata da Di Ciocco. La ripresa si apre con i padroni di casa in forcing asfissiante. Si susseguono occasioni su occasioni, ma la difesa ospite riesce sempre in qualche modo a cavarsela. Al 26’st un parapiglia in area, Moliterni servito da Andreulli calcia in porta e sulla corta deviazione di Vigorito, Cappiello ben appostato fa 3 a 1. Lo spumante è quasi stappato, quando un potente tiro di Caputo, fa urlare al goal, ma è solo un illusione ottica. Il risultato rimane invariato fino al triplice fischio del signor Cannone, che da un lato conclude la gara ma dall’altro da il via ai festeggiamenti. Ennesima ottima prestazione della formazione allenata da mister Viola, che supera il Lagonegro e taglia il nastro della massima serie regionale. Grande merito alla società rappresentata dal Presidente Antonio Gioia, che con lodevoli sacrifici è riuscito a coordinare il tutto al fine di centrale l’obiettivo programmato.



Tabellino
Aurora Marconia: D’Urso, Natuzzi, Chiruzzi, Giannini, Cifarelli, Carlomagno, Gialdino, Gammino, Cappiello, Moliterni, Andreulli;
A disp.: Tritto, Bruno, Schiraldi, Gioia;
All.: Viola;

Soccer Lagonegro 04: Vigorito, Savino, Castelluccio, Amiranda, Perciante, Perazzo, Ielpo, Di Ciocco, Agrello, Caputo, Chiacchio;
A disp.: De Angelis, Montuori, Padula, Falabella, Bonizio,
All.: Capobianco;
Arbitro: Cannone di Venosa, Benevento e Caruso di Potenza;
Marcatori: Andreulli 10’ pt e 26’ pt, Di Ciocco 38’ pt, Cappiello 26’ st;
Note
Recuperi: 1’ pt, 3’ st;
Spettatori: 150 circa;

su La Nuova del sud 7/05/2012
Mario Quinto

Nessun commento:

Posta un commento