lunedì 3 settembre 2012

L'Aurora Marconia sbatte il Pomarico fuori e si qualifica al secondo turno di Coppa.

Foto Aurora Marconia d'archivio


Mister Franco Danza
L’Aurora Marconia archivia la pratica Pomarico e si qualifica al secondo turno di Coppa Italia Lucana. Un tondo 2 a 0, quello scaturito nella gara 2 del primo turno di Coppa. Necessariamente da rimarcare è la prestazione offerta dalla corazzata marconense. Un orchestra armoniosa, la squadra sapientemente diretta da Franco Danza, ha dato vita ad uno spettacolo incantevole. Gli ospiti sono giunti a Marconia per cercare di ribaltare il 2 a 1 subito all’andata, ma la squadra di Liuzzi è parsa priva di idee e molto confusa. Il match ha il via quasi con l’handicap per il Pomarico. A soli 5’ dal fischio d’inizio infatti, Verri fa urlare a goal. Delizioso è il tocco con il quale scavalca Rondinone in uscita e mette dentro il vantaggio. Pomarico stordito come un serpe bastonato. Non si riesce ad intravedere un accenno di manovra. Il team di Liuzzi è palesemente spaesato. Il solo ex Aurora Marconia, Pasquale Moliterni impensierisce la retroguardia di casa con qualche percussione, ma è roba da poco. Al 22’ De Mare tutto solo davanti al portiere si divora il raddoppio. Al 31’ Volpe sfiora il pari. A pochi minuti dal termine della prima frazione, Motti si fa 20 metri palla al piede saltando un paio di avversari e filtrando per l’inserimento di Galileo che brucia sullo scatto Salerno e mette dentro la sua seconda rete stagionale. Secondo tempo, stessa trama. Aurora perenne padrone del campo. C’è spazio per le finezze di Galileo, che con una veronica si beve Albano. Motti spadroneggia a centrocampo. Il neo entrato Fumarola a metà della ripresa, scaglia una sassata da fuori, che Rondinone a malapena devia in corner. Sempre dai piedi di Stefano “Cassano” Fumarola nasce una ghiotta occasione per Verri che però svirgola. Davvero buona la prestazione di Fumarola. Il piccolo gioiellino di casa, si da un gran da fare lasciando trapelare un buono spirito di intraprendenza. Allo scadere la difesa di casa concede un po. Montano al 85’ calcia da fuori ma la palla si perde sul fondo. Poco dopo il neo acquisto Douglas frana in area su Volpe. Lo stesso attaccante si presenta sul dischetto ma viene ipnotizzato dall’ottimo Lattanzi, che mantiene inviolata la sua porta. Una gara d’alto livello quella disputata dagli aquilotti, che passano al secondo turno, si vincendo senza patemi il doppio scontro con il Pomarico, ma dimostrando di essere squadra tosta, che sa far girar palla e sa far emozionare il pubblico.

Tabellino

Aurora Marconia: Lattanzi, Natuzzi, Centrone(dal 18’ st Ricchiuti), Douglas, Cati, Castrignanò, Verri, Sportelli, Motti, De Mare(dal 10’ st Pisano(dal 16’ st Fumarola)), Galileo;
a disp.: Parisi, Mori;
all.: Danza;

Pomarico: Rondinone, Gallitelli(dal 8’ st Di Motta), C. Montano, Biondino, Salerno, Albano, La Terza, Montemurro, Volpe, Moliterni, Lupo;
a disp.: Andrisani, S. Montano, Ant. Montano, Tria;
all.: Liuzzi;

marcatori: Verri 5’ pt, Galileo 42’ pt;
ammoniti: Castrignanò, Motti;

Note

al 43' Lattanti para rigore a Volpe
Recuperi: 2’ pt, 3’ st;
Spettatori: 150 circa;

su La Nuova del sud del 03/09/2012

Mario Quinto

Nessun commento:

Posta un commento