giovedì 31 gennaio 2013

Calcio a 5: Il Deportivo Salandra vince a Rivello e conquista il podio.


Vittoria corsara per il Deportivo Salandra che a Rivello sbaraglia il Vignale, imponendosi per 3 reti a 5. Gara tirata quella disputata dalle due compagini, che hanno mantenuto grossomodo l’equilibrio per gran parte della gara riuscendo a sbloccarlo solo nella seconda metà di gioco. Il primo tempo infatti è stato un continuo botta e risposta. Alle 2 marcature salandresi siglate da Angelastro, c’è stata la pronta risposta dei padroni di casa, che grazie alle reti di Rocco e Di Lascio, sono riusciti a terminare in pari prima del half time. Come al solito, mister Rondinone durante l’intervallo carica a mille i suoi, che puntualmente ad inizio ripresa premono sull’acceleratore. Pochi minuti ed è dominio Salandra. Stupendo il fraseggio che porta al goal Giuseppe Lavecchia bravo a sfruttare le sue doti tecniche. Poco dopo Angelastro mette a segno la rete della tripletta personale, giovando di un ottimo suggerimento di Tantone. Trascorsi una manciata di minuti, il giovane Nicolas Petragallo mette la firma sul tabellino, siglando il 2 a 5. Solo nel finale i padroni di casa si risvegliano, riuscendo però solo a rendere meno amara la sconfitta andando a segno con Leone. La disputa si conclude 3 a 5, in favore del Deportivo che approfitta della concomitante sconfitta della Libertas Montalbano contro il Pisticci, per balzare al terzo posto.

Tabellino

Vignale: Cetraro, Leone, Cosentino, Di Lascio, Bonanni, Rocco, Caputo, Risolo, Petrosino, Nocera;

All.: Armando;

Deportivo Salandra: Messina, Angelastro, D’Alessandro, G. Lavecchia, Grillo, Petragallo, Zizzamia, De Luca, A. Lavecchia, Tantone, Puzzutiello;

All.: Rondinone;

Arbitro: Lapenta;

Marcatori: Angelastro 3, G. Lavecchia, Petragallo (DS), Rocco, Di Lascio, Leone (V);


su la Nuova del sud del 20/01/2013

Mario Quinto


Calcio a 5: C.S. Pisticci devastante. Sviscerato il Montalbano e leadership consolidata.


Il Pisticci espugna Montalbano e mantiene in solitaria la vetta della classifica di serie D futsal materana. Una vittoria desiderata e pienamente meritata quella ottenuta dal C.S. Pisticci di mister Masiello. Nonostante siano giunti a Montalbano con una formazione orfana di top player come Scattino, Di Trani, Laviola, Settembrino e D’Alessandro, il team gialloblè è stato capace di annullare gli avversari con un assonante 1 a 8. Grande protagonista di questa impresa è stato senza ombra di dubbio capitan D’Onofrio, autore di 4 reti, che appena entrato a metà primo tempo ha dato un’impronta devastante all’andamento della disputa. A sbloccare gli indugi però è Raffaele D’Onofrio, che defilato a destra infila sotto le gambe di Manolio. Poco dopo Malvasi per la Libertas pareggia. Dal 12’ è l’ingresso del carro armato Giovanni D’Onofrio a cambiare le redini della gara. Il capitano in pochi minuti dal suo ingresso va in rete per 2 volte, portando lo score sul 1 a 3. I pisticcesi ci prendono gusto e si portano sull’1 a 5 con Viggiani e Daniele Masiello. Prima del riposo capitan D’Onofrio sigla l’1 a 6. Nella seconda metà di gioco, la reazione dei padroni di casa non perviene, perché il pressing chiesto da mister Masiello e ben sincronizzato e non permette ai biancoblù di impostare. Le sporadiche occasioni create dalla Libertas, sono state ben sventate da David, una vera sicurezza tra i pali. Dunque, il Pisticci anche nella ripresa ha avuto la possibilità di ostentare un ottimo possesso palla. Una combinazione ben manovrata è stata registrata in occasione della seconda rete di Masiello, bravo a farsi trovare al posto giusto nel momento giusto. La marcatura che ha chiuso definitivamente le danze è stata quella del capitano D’Onofrio che timbra cosi il suo personalissimo poker. Sconfitta senza attenuanti per la Libertas, che è stata vittima dell’uragano Pisticci.

Tabellino

Libertas Montalbano: Manolio, Galeazzo, Caporusso, Perriello, Loffreno, Sergi, Nivuori, Lombardi, Barile, Petracca, Malvasi, Rosito;

All.: Le Rose;

C.S.Pisticci: David, D. Masiello, G. D’Onofrio, Benedetto, Di Lena, R. D’Onofrio, Albano, Viggiani, Barbalinardo;

All.: N. Masiello;

Arbitro: Russo di Bernalda;

Marcatori: D’Onofrio G. (4)(P), Masiello (2)(P), Viggiani (P), D’Onofrio R. (P), Malvasi (M);

su La Nuova del sud del 30/01/2013

Mario Quinto

lunedì 28 gennaio 2013

Aurora Marconia: ancora flop in casa. Il Rossoblù Potenza rapina il Comunale grazie a Mastroberti.


Mastroberti del Rossoblù PZ autore del goal
Una formazione dell'Aurora Marconia
L’Aurora Marconia torna a fare cilecca sul campo amico. Ieri a portare via i 3 punti dal Comunale è stato il Rossoblù Potenza, che di misura ha battuto la formazione marconese. Primi giri d’orologio con l’Aurora in forcing offensivo. Verri scodella a centro area, dove Martemucci non è puntuale all’appuntamento con la palla e l’occasione sfuma. Inoltrato il quarto d’ora, gli ospiti si riorganizzano e tentano il contrattacco. L’offensiva del Potenza, frutta un penalty, sapientemente conquistato da Mastroberti. Lo stesso capitano della formazione in casacca rossoblù, trasforma dagli 11 metri portando in vantaggio i suoi. Colpito nell’orgoglio il team di mister Danza, cerca il goal del pari, che a fine primo tempo sarebbe stato meritato. Ma l’inesperienza è diabolica e puntualmente punisce i giovani calciatori marconesi. Al 1’ della seconda frazione Danza infoltisce il centrocampo, lanciando nella mischia l’esperto Guarino. Quest’ultimo dispensa belle aperture a destra e a manca. Poche di queste vengono ben lette dall’intelligentissimo Verri. Al 61’ il giovane di San Pietro Vernotico, dribbla Vukcevic in un fazzoletto di campo e mette al centro per Martemucci, che trattenuto da Cirelli cicca la palla, fallendo un ottima occasione per il pari. Il Rossoblù si riaffaccia dalle parti di Parisi a un quarto d’ora dalla fine con Mastroberti. L’attaccante numero 10 del Potenza, arpiona l’assist di Petilli, stoppa e con una volè di splendida fattura cerca il palo più lontano. Parisi, però si allunga e sventa in corner. Termina con poche emozioni, una gara in cui l’Aurora Marconia avrebbe dovuto fare punti preziosi, per dare continuità al buon pareggio conquistato domenica scorsa in quel di Rionero. Rimane da sfatare un brutto tabù, che vede le torrette ancora senza vittorie casalinghe nel nuovo anno.



Tabellino

Aurora Marconia: Parisi, Lippolis, Cati, Cerabona, Ricchiuti (1’ st Guarino), Motti(15’ st Donadio), Martemucci, Galileo (27’ st Belmonte), Verri;

A disp.: Laviola, Moro, Iannuzziello, Cacciatore;
All.: Danza;

Rossoblù Potenza: Grieco, Lucia, Girelli, Vukcevic, Pastore, La Morte, Di Nella (31’ st Cioffredi), Ielpo, Petilli, Mastroberti, Capone(39’ st Palermo);

A disp.: Di Vincenzo, Lepore, Luongo, Lapenna, Foscolo;
All.: Camelia;

Arbitro: Cascone di Nocera Inferiore
Assistenti: Lapadula e Rubino di Moliterno;

Marcatore: Mastroberti (rig.) 18’ pt;

Ammoniti: Capone;

Note

Recuperi: 2’ pt, 3’ st;
Spettatori: 60 circa;

 su La Nuova del sud del 28/01/2013
Mario Quinto

venerdì 25 gennaio 2013

In occasione del Congresso Nazionale elettivo dell'Ussi si svolgerà a Matera il dibattito "L'etica della vittoria, la vittoria dell'etica" moderato da Mikaela Calcagno di Studio Sport.


Volti Noti dello sport e del giornalismo sportivo a Matera per il Congresso elettivo dell'Unione Stampa Sportiva Italiana.

Dal 29 al 31 gennaio 2013 la città di Matera ospita il congresso nazionale elettivo dell’Ussi. La città dei Sassi sarà la sede dei lavori dei giornalisti sportivi che andranno ad eleggere il nuovo presidente per il quadriennio 2013-2016. Un importante appuntamento nel quale la Città dei Sassi sarà la degna cornice.  Si comincia martedì 29, per proseguire fino a giovedì 31, giorno in cui ci sarà la proclamazione degli eletti e la prima riunione del nuovo direttivo.  Padrone di casa sarà Luigi Ferrajolo, presidente uscente dell’Ussi, ma anche il Gruppo Ussi di Basilicata “Augusto Viggiani”.   La tre giorni materana non sarà dedicata solo ai lavori congressuali. L’Ussi incontrerà anche la cittadinanza, ospitandola, presso il Cinema Comunale, al “Gran galà dello sport” per “Matera Capitale europea della Cultura 2019”. Un incontro-dibattito moderato dalla giornalista Mediaset, Mikaela Calcagno, sul tema “L’etica della vittoria/La vittoria dell’etica”, interverranno come ospiti, oltre alle istituzioni cittadine, provinciali e regionali, il presidente nazionale dell’Ussi, Luigi Ferrajolo, il presidente della Figc, Giancarlo Abete, l’allenatore della Nazionale di calcio, Cesare Prandelli, gli atleti Valerio Cleri, campione mondiale di nuoto di fondo, e Fabrizio Donato, medaglia di bronzo nel salto triplo ai recenti Giochi Olimpici di Londra, e l’allenatrice dell’Ita Salandra, squadra di calcio a 5 femminile di Serie A, Nicoletta Sergiano.   Al “Gran galà dello sport” seguirà, per gli ospiti, una cena, riservata agli ospiti, interamente made in Basilicata, a cura del team dell’Unione Cuochi Lucani.  “L’evento, in un momento di forte bisogno di modelli “puliti” ma vincenti, è un’occasione unica non solo per promuovere, attraverso il notevole richiamo mediatico degli ospiti del galà, un messaggio altamente positivo, ma anche per sostenere la candidatura di Matera a Capitale europea della Cultura nel 2019. Farne parte rappresenta un’opportunità di notevole impatto per affermare un’immagine positiva”. Così il presidente Luigi Ferrajolo nel presentare l’evento materano, dando appuntamento al Cinema Comunale alle ore 18. L’organizzazione dell’evento è stata possibile grazie alla collaborazione di Bet Flag, in qualità di main sponsor, e alla partecipazione di Aqvaworld Bluwellness, Bawer, Gal La cittadella del Sapere,  Lacarpia Srl, Fergas, GdM Margherita, Consorzio Pane di Matera e Palazzo Gattini.

mercoledì 23 gennaio 2013

Il Depor di Salandra torna a vincere. Al Palasaponara battuto con affanno il Futura Matera.


Dopo il tonfo contro il Guardia Perticara, il Deportivo Salandra torna a gioire, conquistando 3 preziosissimi punti in casa con il Futura Matera.
La disputa è subito difficile per il Depor, che già al 7’ è costretto ad inseguire. Bellacicco sfrutta una distrazione difensiva e porta in vantaggio il Matera. Solo al 22’ Tantone mette i conti in pari sfruttando un bel passaggio di Puzzutiello. Pochi minuti dopo però, Bellacicco mette alle spalle di De Luca altre 2 reti, che portano le squadre al riposo sull’1 a 3. Mister Rondinone scuote i suoi e nella seconda frazione i risultati sono evidenti. Il baby Petragallo accorcia le distanze grazie alla perfetta assistenza di Pace e Tantone da calcio piazzato porta il risultato sul 3 a 3. Lo score rimane stabile per oltre 10’, fino a quando Puzzutiello scaglia una bomba che s’insacca sotto la traversa. Il vantaggio biancoblu viene rimpinguato da Tantone che direttamente da tiro libero insacca la rete del 5 a 3. Nel finale il Matera va in forcing, non riuscendo a trovare il pareggio, capitalizzando una sola occasione con Casamassima va in goal per il definitivo 5 a 4. Vittoria importante quella conquistata al Palasaponara dal Deportivo Salandra, dopo un primo tempo opaco.
Nonostante il team di Rondinone non abbia disputato una gara da ricordare è riuscita a portare a casa l’intera posta, dimostrando dunque di avere larghi margini di maturazione.

Tabellino

Deportivo Salandra: Messina, Atlante, D’Alessandro, Petragallo, Tantone, G. lavecchia, Pace, Zizzamia, Grillo, Puzzutiello, De Luca;
All.: Rondinone;

Futura Matera: Logiudice, Pisciotta, Bellacicco, Casamassima, Fontana, Festa, Morelli, Tataranni, Tolentino, Calbi;
All.: Lamacchia;

Arbitro: Tedesco di Matera;
Marcatori: Bellacicco 3, Casamassima (FM), Tantone 3, Petragallo, Puzzutiello(DS);

Note
Recuperi: 1’ pr, 3’ st;
Spettatori: 250 circa;

 su La Nuova del sud del 23/01/2013
Mario Quinto

martedì 22 gennaio 2013

Virtus Re Leone forza 4. Piegata la Dedalo Shaolin in scioltezza.

Mister Iannella con uno dei protagonisti della gara Lopatriello

Al Rocco Perriello i padroni di casa della Re Leone Policoro si impongono nettamente sulla Dedalo Shaolin, con un secco 4 a 0. Nonostante il campo in condizioni pessime, date le copiose precipitazioni dei giorni scorsi, i leoncini sono riusciti a dare spettacolo. Già al 6’ Vena su da calcio piazzato mette dentro per l’accorrente Ettore Lopatriello, che insacca per il vantaggio bianco verde. Virtus Re Leone nettamente padrona del rettangolo da gioco, grazie all’abilità di un centrocampo coeso e ben coordinato. Alla mezz’ora arriva il raddoppio policorese, grazie al solito bomber Rondinone. L’assist è di Torraco, che pesca in modo preciso Simone Rondinone, il quale raddoppia. Sugli esterni Jadir e Lopatriello danzano a meraviglia. Proprio sui piedi di Jadir capita la palla del tris, che però si perde sopra la traversa. Il goal però non tarda ad arrivare. Allo scadere della prima frazione, infatti, Lopatriello compie una rapida serpentina sulla sua fascia di competenza e serve su un piatto d’argento la palla del 3 a 0 di Rondinone. Si torna in campo dopo la pausa, con gli ospiti ancora in affanno. Intorno al quarto d’ora, Suglia e Stigliano si divorano la rete del poker. Lopatriello colleziona il suo secondo assist, pescando direttamente da calcio d’angolo il ben appostato Vena, che porta il risultato sul definitivo 4 a 0. Buona prestazione della Virtus Re Leone, che rifila 4 sberle alla Dedalo Shaolin, che di fatto non si è mai resa pericolosa.

Tabellino

Virtus Re Leone: De Capua, Stamerra, Larossa(1’ st Suglia), La Rocca, Vena, Di Matteo, Jadir, Simone(1’ st Stigliano), Rondinone, Torraco, Lopatriello,;

A disp.: Marta, Grieco, Santarcangelo, Fuina, G. Torraco;

All.: Iannella;

Dedalo Shaolin:Brindisi, Pippa(Manicone), Tancredi, Cinefra, Avena, Sabatino, De Angelis, Esposito, Diamante(Romano), Pasiro, Gerardi(D’Andrea);

A disp.: Manicone, Romano, D'Andrea;

All.:Porretti;

Arbitro: Grieco di Bernalda;

Marcatori: Lopatriello, Rondinone 2, Vena;

Note

Recuperi: 1' pt, 3' st;
Spettatori: 80 circa;

su La Nuova del sud del 22/01/2013
Mario Quinto

mercoledì 16 gennaio 2013

Aurora Marconia bello e maledetto. La Murese rapina il Comunale grazie al goal di Santarsiero.



La diciassettesima giornata ha un sapore amaro per l'Aurora Marconia del Presidente Capece. Il nuovo anno al Comunale di Marconia è stato inaugurato nel peggior modo possibile, per fortuna della Murese, che ha strappato via 3 punti fondamentali. La disputa però è stata quasi sempre e costantemente monitorata dai padroni di casa, che al quarto d’ora hanno avuto una favorevolissima occasione, sventata in extremis da Santarsiero. Dopo ciò nella prima frazione si è visto poco gioco, da parte di entrambe le squadre, eccezion fatta per la coppia Galileo-Verri sempre viva e pronta ad innescare contropiedi pericolosi. Il parziale a fine primo tempo è ancora fermo sullo 0 a 0. La ripresa è più accesa. Cerabona e Martemucci si fanno in quattro a centrocampo. Il gran lavoro dei due frutta. A metà ripresa dai piedi di Martemucci nasce una buona opportunità. Il traversone del numero 10 rossoblù viene deviato verso la porta da Verri, ma Pirolo si distende e devia in angolo. Poco dopo entra Motti per uno stremato Cerabona. Il centrocampista salentino, smista qualche palla, ma è limitato dall’avanzare della Murese. Gli ospiti infatti, alzano il capo affacciandosi ripetutamente dalle parti di Parisi. Alla mezz’ora ci prova Iacullo, ma la palla sorvola la traversa. Al 42’ si consula il definitivo capitombolo marconese. La difesa di casa regala un corner alla Murese. Il cross è perfetto per Santarsiero che appostato sul secondo palo, beffa facile facile, l’estremo difensore Parisi.Vantaggio non meritatissimo, quello dei muresi, che però hanno giocato una gara da trasferta, riuscendo a difendere il vantaggio fino al fischio finale. Come in altre occasioni la squadra di Danza, ha pagato la poca esperienza dei giovani giocatori in campo, ma i numeri ci sono e i risultati non tarderanno ad arrivare.

Tabellino

Aurora Marconia: Parisi, Natuzzi, Tucci, Cerabona(Motti dal 18’ st), cati, Lippolis, Verri, Donadio(Iannuzziello dal 30’ st), Galileo, Martemucci, Sportelli;

A disp.: Laviola, Adorisio, Belmonte, Cacciatore;

All.: Danza;

Murese: Pirolo, V. Nano, Santarsiero, Troglia(Dutra dal 20’ st), Gerbasio, A. Nano, Glorioso, V. Iacullo, Cella(Marolda dal 32’ st), Pepe(Rota dal 15’ st);

A disp.: Muslera, Galizia, Galante;

All.: Ragone;

Arbitro: Scambio Cai (Mele-D’iasio);

Marcatore: Santarsiero all’86’ st;

su La Nuova del sud del 14/01/2013

Mario Quinto

Il Depor di Salandra cade contro la capolista Guardia Perticara.


Prima sconfitta fuori dalle mura amiche per il Deportiva Salandra. A fare la pelle ai biancoazzurri è stata la capolista Guardia Perticara, che si è imposta con il punteggio di 11 reti a 7. Pronti via ed è il Perticara a prendere in mano il pallino del gioco, impegnando severamente l’attento De Luca, che fino al 6’ si fa valere negando a più riprese il goal. Poi gli ospiti reagiscono ed alla prima occasione vanno in rete. È Tantone a sbloccare il risultato con un bel destro dal limite. La gioia dura poco però, perché dopo solo 2 giri d’orologio De Fina pareggia e porta in vantaggio i padroni di casa. Tantone non intende porre fine al botta e risposta e pareggia i conti. In seguito il Deportivo si porta sul 3 a 2 con un inarrestabile Giuseppe Lavecchia, che decide di far tutto da solo, saltando mezza squadra avversaria e mettendo alle spalle di Francolino con un bel diagonale. Poco dopo Pace raddoppia. Il piccolo Lavella si risveglia e in pochi minuti riporta lo score in parità, con 2 goal di pregevole fattura. Ad inizio ripresa, il Salandra sembra non esser sceso in campo, tanto che Derosa sigla una doppietta facile facile. Pochi istanti dopo, Defina e Maggi quadruplicano il vantaggio perticarese per il momentaneo 8 a 4. In seguito va in rete Atlante, ma alla sua marcatura corrispondono Defina che fa poker, Lavella II che fa tripletta e Lavella I. I goal di G. Lavecchia ed Atlante, che realizzano entrambi la doppietta, servono solo a rendere meno pesante il passivo. Il Depor torna a casa, ridimensionato nel morale e nelle ambizioni, anche se a tratti si è vista una squadra tosta e tatticamente intelligente. Indubbiamente il team di mister Rondinone dirà la sua fino a fine campionato.

Tabellino

Guardia Perticara: Francolino, Russo, Ambrosini, Maggi, Genovese, Ambrosio, D’Alessandro, R. Lavella II, R. Lavella I, Defina, Derosa;

Deportivo Salandra: De Luca, Angelastro, Pace, Atlante, Tantone, G. Lavecchia, Petragallo, Puzzutiello, Zizzamia, Messina;

All.: Rondinone;

Arbitro: Mianulli di Bernalda;

Marcatori: Tantone 2, G. Lavecchia 2, Atlante 2, Pace (DS), Defina 4, R. Lavella II 3, Derosa 2, R. Lavella I , Maggi;

su La Nuova del Sud del 16/01/2013

Mario Quinto

venerdì 11 gennaio 2013

Sen. Latronico su questione alluvione e futuro della Basilicata


Il Senatore lucano Cosimo Latronico nel seguente comunicato intende puntualizzare sulla questione dell'alluvione nel metapontino e lanciare lumi su finanziamenti futuri. "E' bene precisare che il tema degli interventi straordinari per il territorio lucano, ed in particolare del metapontino, anche a seguito degli eventi alluvionali del 2011 è stato oggetto di diversi interventi”. Lo ha dichiarato il senatore del Pdl, Cosimo Latronico. “In particolare con il decreto-legge del 13 agosto 2011 si è autorizzata la spesa di oltre 7 milioni di euro per l’anno 2011 per il ripristino e la messa in sicurezza delle infrastrutture colpite dagli eventi calamitosi nel periodo dal 18 febbraio al 1 marzo 2011, per i quali è stato dichiarato lo stato di emergenza con apposito decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. Inoltre la manovra di bilancio per il prossimo triennio, prevede il finanziamento di agevolazioni a sostegno degli investimenti privati effettuati in Basilicata per il potenziamento e il miglioramento della qualità dell’offerta turistico-ricettiva, delle relative attività integrative e dei servizi di supporto. In particolare l’istituzione di un fondo di 15 milioni di euro a favore di Invitalia, per finanziare i contratti di sviluppo del settore turistico; diverse proposte di imprenditori lucani sono ferme all’istruttoria tecnica di Invitalia per la mancanza di una sponda finanziaria. Quanto, invece, alle risorse contenute nell’ultima legge di stabilità è bene ricordare che quelle stanziate per altre regioni servono a coprire finanziariamente ordinanze già emesse che non avevano avuto precedente copertura, mentre sono incrementati i fondi per fronteggiare i danni dell’ultimo sisma del Pollino”.