giovedì 16 maggio 2013

Pronto il progetto di ristrutturazione per la Palazzina di via Camerino. Sarà presentato al pubblico lunedì 20 Maggio.


Detto, fatto. Il progetto per la ristrutturazione della palazzina pericolante di via Camerino a Marconia è pronto. Forse i vari solleciti, compresi quelli a mezzo stampa sollevati da tutte le famiglie e dal portavoce Giovanni Ingrosso, hanno sortito l'effetto sperato. Il Sindaco Dr. Vito Di Trani il prossimo lunedì ospiterà l'Amministratore Unico dell' Ater di Matera, Dr. Innocenzo Loguercio che presenterà il progetto di ristrutturazione dello stabile di Via Camerino 17 a Marconia. Ricordiamo che l'immobile fu oggetto di ordinanza di sgombero, il primo febbraio 2012, a seguito di verifiche strutturali eseguite dopo alcune segnalazioni degli stessi inquilini. I tecnici dell'Ater rilevarono: "La presenza di criticità consistenti nella presenza di lesioni da compressione e/o presso flessione su alcuni pilastri nonché nella qualità del calcestruzzo impiegato che, dalle prove sclerometriche ha fornito risultati insoddisfacenti; alcune pilastrate sembrano non essere perfettamente in asse; il fabbricato sembra che versi in una situazione di sofferenza strutturale generalizzata". Da quella data, l'Amministrazione Comunale si è prodigata per fronteggiare l'emergenza che ha interessato dodici famiglie che, da un momento all'altro, si trovarono senza la loro casa, in una situazione di disagio. L'Ater di Matera, d'altro canto, attraverso il Presidente Loguercio, affidò il compito di approfondire le indagini relative allo stato dell'edificio, ai tecnici dell'Università di Basilicata. Dopo l'analisi della situazione strutturale sono stati individuati gli interventi necessari per il consolidamento dello stabile. Dopo oltre un anno è imminente l'inizio dei lavori di ristrutturazione il cui progetto, le sue caratteristiche e ed i relativi tempi di ultimazione, verranno illustrati agli inquilini e alla stampa lunedì 20 maggio alle ore 11.00 presso la Sala Consiliare di Marconia. 

Nessun commento:

Posta un commento