sabato 5 ottobre 2013

Sequestrata discarica La Recisa.

 La discarica comunale di Pisticci, in località Recisa, è stata sequestrata dai Carabinieri del Noe che hanno anche denunciato una persona per violazione della normativa ambientale.
Durante i controlli, a cui ha partecipato anche personale dell’Arpab, è stato scoperto che l’impianto era gestito in difformità rispetto all’Aia. In particolare, “non venivano - è scritto in un comunicato diffuso dal Noe - correttamente utilizzati gli impianti di preselezione, trattamento e biostabilizzazione, l’impianto di estrazione del biogas risultava incompleto, non vi era una adeguata regimentazione delle acque meteoriche, i piezometri per il monitoraggio delle acque sotterranee erano assenti, non veniva effettuata la copertura giornaliera dei rifiuti”. Inoltre gli autocompattatori “in ingresso alla discarica, provenienti dalla raccolta urbana, scaricavano direttamente i rifiuti solidi urbani 'tal qualì nel bacino, senza che gli stessi venissero sottoposti ad alcuna delle operazioni preliminari previste per legge”.
Le indagini hanno permesso di accertare che “da determinazione della Provincia di Matera, il comune di Pisticci avrebbe dovuto conferire i propri rifiuti solidi urbani presso la discarica di Tricarico”.

Nessun commento:

Posta un commento