martedì 1 aprile 2014

Virtus Re Leone KO contro la Metanauto Picerno.

La vittoria all'inglese, ottenuta dalla Virtus Re Leone sabato scorso, sul campo del Pietragalla evidentemente non ha sortito l'effetto sperato. I notevoli progressi sul piano del gioco mostrati dal team di D'Onofrio, sono stati confermati contro il Picerno, che tuttavia di misura è riuscito a portar via l'intera posta dal Rocco Perriello. Riavvolgendo il nastro della gara, verrebbe da dire che “c'è chi semina e c'è chi raccoglie”. La disputa in effetti è stata pressoché a senso unico, con i padroni di casa alla spietata ricerca del goal, che latiterà per tutti i 90 minuti. Nella prima frazione sfiorano il vantaggio, prima Prillo e poi Arone, entrambi in un'azione fotocopia si ritrovano a tu per tu con Donnaiamma, ma spediscono a lato. Nella seconda frazione il forcing biancoverde non cessa, anzi aumenta di intensità con l'ingresso di Caravita. Il Picerno fatica a contenere le sortite offensive e si salva grazie all'imprecisione di De Lorenzo che di testa, da pochi passi, sfiora la traversa. Alla mezzora Caravita ispira Minetola, che fallisce l'appuntamento con il goal. Dall'unico corner conquistato dagli ospiti nasce il vantaggio picernese. Il goal avviene a causa di una fortuita deviazione di Santulli, che batte il proprio portiere. Gli ultimi minuti alla ricerca del pareggio, non servono ad altro che a confermare la giornata no dei leoncini. Punte di rammarico nel commento del post gara di D'Onofrio: “Peccato per il risultato, mi consola il fatto che la squadra gioca in
modo ineccepibile”.

Tabellino

Virtus Re Leone: Magno, Magro, Comparato, Santulli, De Lorenzo, Lo Franco(dal 1' st Caravita), Valluzzi, Minetola, Lobreglio(20' st Francomano), Arone, Prillo;
All.: D'Onofrio;

Metanauto Picerno: Donnaiamma, Curcio, Caggiano, Giardinetti, Tirone, Salvia, Marsico, Latorre, Corrado, Viggiani;
A disp.: Zaccagnino, Salvatore, Tomasillo;
All.: Petrullo;

Arbitro: Perdicchia di Bernalda;


Marcatori: aut. Santulli al 34' st;

su La Nuova del sud del 1/04/2014
Mario Quinto

Nessun commento:

Posta un commento